HAMAS

19 01 2010

Fa parte dell’articolo  LA PACE POSSIBILE

Praticamente, in modo diretto o indiretto, quasi tutto il mondo vorrebbe che Israele, in nome del “processo di pace”, trattasse anche con Hamas. Un movimento politico che vuole esclusivamente la distruzione d’Israele e l’annientamento fisico degli ebrei. Un’emanazione preminentemente antisemita, ancor prima che anti-israeliana. Gli scettici (non certo gli antisemiti inveterati) dovrebbero, se lo desiderano, leggersi lo Statuto di Hamas. Ecco l’URL: 

http://it.wikipedia.org/wiki/Hamas#Statuto_di_Hamas_del_1988

Ora, per quale motivo uno Stato dovrebbe trattare con chi non solo non lo riconosce, ma vuole la sua “totale eliminazione dalla faccia della terra”.

Qualcuno è in grado di smentirmi?

Che se ne farebbero gli Israeliani, da “morti”, di una trattativa di tal genere con Hamas?

I Palestinesi (anche quelli di Al Fatah, il cui Presidente è Abu Mazen), nonché molte nazioni non solo arabe, sostengono che Hamas va “consultato (?!)” poiché è stato eletto “democraticamente”. Il che vuol dire con la “maggioranza numerica”, che non necessariamente, però, ha qualcosa a che vedere con la democrazia, avente una valenza preminentemente etica, di rispetto di una persona per l’altra.

Occorre, ancora una volta, ricordare che anche Hitler fu eletto democraticamente?

Solo in ciò stà il “nocciolo” del “trattare con Hamas”. Si dovrebbe discutere con una parte che vuole solo la mia distruzione, il mio suicidio, rubare la mia terra con  tutto quello che in 60 anni ho costruito veramente con il sudore della mia fronte?. Perché mai? Che senso avrebbe? A quale “accordo” si perverrebbe? [2]

Chi mi può smentire, senza ipocrisia, settarismo, malafede?

Sarei contento di saperlo.

 

Da parte Israeliana viene rilevato che anche Al Fatah (in cuor suo, pure se in modo meno palese) non desidera la pace con Israele, ma solo raggiungere ciò che “spera” lo stesso Hamas (e Iran, Siria, ecc.).

Mi rifiuto di crederlo! Penso che i “popoli” israeliano e palestinese (uomini, donne, bambini) ambiscano innanzitutto a vivere e non a morire (per quale causa? Un pezzo di terra? La scomparsa d’Israele?).

Mi rifiuto di credere che Israele un giorno (non so quando: spero quanto prima) non possa vivere in PACE.

Mi rifiuto di pensare che i Palestinesi non vogliano vivere (piuttosto che immolarsi), progredire, prosperare, far crescere i propri figli per farli diventare non dei “martiri” ma delle persone aventi le stesse opportunità di ogni altro uomo o donna.

Mi rifiuto di crederlo perché, per me, nulla è più sacro della vita umana

Non   dobbiamo disperare, ma dare il nostro (per quanto insignificante) contributo per debellare quanto c’è di male.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Azioni

Information

3 responses

23 05 2010
roberto fiaschi

Un grande ringraziamente a Giacomo Korn per questo bellissimo ed utilissimo sito,
amo gli ebrei …

Roberto Fiaschi

19 06 2011
barbara

Riposa in pace, amico mio.

26 06 2011
Anonimo

Ciao zio e riposa in pace CLAUDIO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: